Il rilascio e le annotazioni

Per guidare autoveicoli e motocicli occorre aver conseguito la patente di guida rilasciata dall’Ufficio Provinciale della Direzione Generale della Motorizzazione Civile nella cui provincia è compreso il comune di residenza del richiedente. La patente viene rilasciata dal competente ufficio contestualmente al superamento degli esami di guida.

I requisiti fisici, psichici, morali e d’età
Chi guida i veicoli deve essere idoneo per requisiti fisico-psichici e aver compiuto, in relazione alle diverse categorie di abilitazione, l’età prescritta.
L’accertamento dei requisiti fisici e psichici deve essere effettuato esclusivamente da un ufficiale sanitario (medico responsabile dei servizi di base del distretto sanitario), medico militare, medico delle ferrovie etc.).
Il suddetto accertamento deve risultare da certificazione di data non anteriore a 3 mesi dalla presentazione della domanda per sostenere l’esame di guida.
E stato pertanto eliminato il certificato anamnestico.

LA NORMATIVA SPECIFICA PER I DIABETICI E’ CONTENUTA NEL: DECRETO DELL’ 8/8/94 PUBBLICATO SULLA G.U. N°193 – ALL’ALLEGATO III] (vedi dal menù a destra)
Questa normativa pero’ e’ particolarmente restrittiva e le commissioni mediche giudicanti, in mancanza di indicazioni su criteri uniformi di giudizio, adottano varie metodiche di indagine e concedono la patente per periodi variabili di 1-2-3-4 anni a loro insindacabile giudizio.
La nostra associazione, a livello locale, e la F.D.G. a livello nazionale, si sono battute da sempre per il superamento di queste discriminazioni.
Ci sono stati vari interventi a livello ministeriale che finalmente hanno portato a dei risultati abbastanza soddisfacenti e meno discriminatori nei confronti dei soggetti diabetici. A riguardo invitiamo a leggere (dal menù di destra) le disposizioni promosse nel dicembre 1997 dalla F.D.G.

Come ottenerla

Occorre presentare apposita domanda al competente Ufficio Provinciale della Direzione generale della Motorizzazione Civile.

L’esame di idoneità
L’idoneità tecnica necessaria per il rilascio della patente di guida si consegue superando una prova di verifica delle capacità e dei comportamenti e una prova di controllo delle cognizioni.
Le prove sono pubbliche e possono essere sostenute dopo 1 mese dalla data di rilascio della autorizzazione per l’esercitazione di guida (foglio rosa) ed entro i 6 mesi di validità dell’autorizzazione stessa. In detto limite si può ripetere una delle due prove d’esame una sola volta. Per sostenere gli esami occorre prenotarsi non oltre il 5°giorno lavorativo precedente la data della prova.
Non è possibile prenotare l’esame di guida negli ultimi cinque giorni lavorativi di validità del foglio rosa.

Le esercitazioni di guida

L’autorizzazione ad esercitarsi è valida per sei mesi e consente all’aspirante di esercitarsi su veicoli della categoria per le quali è stata richiesta la patente o l’estensione di validità , purché al suo fianco si trovi, in funzione di istruttore, persona di età non superiore a 65 anni, munita di patente valida per la stessa categoria, conseguita da almeno 10 anni, ovvero valida per la categoria superiore.
Le esercitazioni su motocicli nei quali non possa prendere posto, oltre al conducente, altra persona in funzione di istruttore sono consentiti in luoghi poco frequentati. Gli autoveicoli per le esercitazioni e gli esami di guida devono essere muniti di un contrassegno recante la lettera «P».

La validità e la conferma di validità della patente

La patente di guida della categoria C è valida anche per la guida dei veicoli per i quali è richiesta la patente di categoria B. Analogamente quella di categoria D è valida per la guida dei veicoli per i quali è richiesta la categoria B e C.
La conferma della validità della patente, è affidata agli ufficiali sanitari (medico militare, delle ferrovie, etc.) presso i quali occorre recarsi adempiendo ad alcune formalità che possono variare leggermente da provincia a provincia.
Per semplicità di esposizione si riporta la prassi da seguire a Grosseto con particolare riferimento ai soggetti con diabete.

Annotazione sulla patente del trasferimento di residenza o abitazione

L’annotazione del trasferimento di residenza da uno ad un altro comune o il cambiamento di abitazione nell’ambito delle stesso comune, viene effettuata dal competente Ufficio Centrale Operativo della Direzione generale della Motorizzazione Civile.
L’interessato dovrà recarsi all’Anagrafe ed esibire la ricevuta del versamento di euro 10.000 effettuato sul c/c 9001 e compilare un modulo fornito dall’impiegato comunale.
Questi consegnerà all ‘interessato una ricevuta che dovrà essere conservata, unitamente alla patente di guida, fino a quando il richiedente non avrà ricevuto per posta, dalla Direzione Generale della Motorizzazione Civile, il tagliando adesivo, con l’annotazione della variazione, da apporre sulla patente.
Presso I’ Ufficio Centrale Operativo della Direzione generale della Motorizzazione Civile, è attivato un Numero Verde — 167-232323 — al quale potranno rivolgersi per informazioni tutti coloro che, decorsi 180 giorni dalla data della dichiarazione resa al competente ufficio comunale, non avranno ricevuto per posta, presso la nuova abitazione, il tagliando di variazione.

Condividi
Translate »