LOTTA AL DIABETE CON LA PENNA IN MANO

LOTTA AL DIABETE CON LA PENNA IN MANO

Al via la IX edizione del Concorso Letterario “Il diabete infantile e giovanile: le storie, i racconti”. C’è tempo sino al 20 settembre per partecipare al Concorso Letterario “Il diabete infantile e giovanile: le storie, i racconti” promosso dalla Federazione Nazionale Diabete Giovanile (FDG) e riservato ad autori amatoriali che, attraverso la scrittura, vogliono raccontare le loro esperienze dirette o indirette con il diabete. “Il concorso – spiega Antonio Cabras, Presidente della FDG – è rivolto in particolare ai ragazzi, alle famiglie, agli insegnanti e a tutti quelli che affrontano quotidianamente le difficoltà d’inserimento, per un giovane con diabete nella scuola, nello sport e nella vita”. “Siamo molto soddisfatti – afferma Cabras – del successo che il concorso ha riscosso l’anno scorso tra il pubblico. Di diabete giovanile, purtroppo, si parla poco e questo è sicuramente un modo nuovo e diverso per esorcizzare la malattia.” Il testo dovrà affrontare il tema del difficile inserimento del bambino e del giovane con diabete all’interno della società, della scuola, della famiglia, dei luoghi di aggregazione. Le storie raccontate potranno essere vere o frutto della fantasia degli autori. I racconti dovranno essere inviati in formato word esclusivamente via mail alla segreteria del concorso (palomba@agapantos.it) indicando i recapiti dell’autore (nome, cognome, indirizzo, telefono, e-mail). I migliori racconti verranno pubblicati in un libro edito dalla casa editrice Agapantos. La cerimonia di premiazione avrà luogo a Roma il giorno 19 ottobre nella Sala del Refettorio presso la Camera dei Deputati alla presenza delle autorità politiche, culturali e scientifiche.     Segreteria del concorso: Agapantos Marco Palomba Via Giberti 28 00151 Roma...
Bando e regolamento per l’VIII° Concorso letterario FDG

Bando e regolamento per l’VIII° Concorso letterario FDG

VIII °Concorso letterario “Il diabete infantile e giovanile: le storie, i racconti” La Federazione Nazionale Diabete Giovanile (FDG) indice l’ottava edizione del concorso letterario “Il diabete infantile e giovanile: le storie, i racconti” riservato ad autori amatoriali. La partecipazione è libera e gratuita, per un racconto breve, originale, inedito, redatto in formato word della lunghezza massima di 4 cartelle dattiloscritte in lingua italiana. E’ ammesso un solo racconto per ciascun concorrente. Il testo dovrà affrontare il tema del difficile inserimento del bambino e del giovane con diabete all’interno della società, della scuola, della famiglia, dei luoghi di aggregazione. Le storie raccontate potranno essere vere o frutto della fantasia degli autori. Saranno premiati i primi 3 elaborati giudicati più capaci di comunicare e far conoscere alla società il diabete nelle sue diverse problematiche e sfaccettature, in tutte le sue possibilità di vita, di relazione, di lavoro, di interculturalità. E, in chiave prospettica, di uguaglianza, anche in considerazione di terapie. I racconti dovranno essere inviati esclusivamente via mail alla segreteria del concorso palomba@agapantos.it indicando i recapiti dell’autore (nome, cognome, indirizzo, telefono, e-mail) I migliori racconti verranno pubblicati in un libro edito dalla casa editrice Agapantos. La cerimonia di premiazione avrà luogo a Roma il giorno 27 ottobre 2016 presso la Camera dei Deputati alla presenza delle autorità politiche, culturali e scientifiche. Il diabete: le storie, i racconti – Regolamento – Art. 1 – PROMOTORE – La Federazione Nazionale Diabete Giovanile (FDG) istituisce un concorso di scrittura per racconti inediti sul tema del diabete infantile e giovanile. Il testo in forma libera (fantasia, fiaba, racconto, ecc.) dovrà affrontare il tema del difficile...
COMUNICATO STAMPA – AGD BOLOGNA

COMUNICATO STAMPA – AGD BOLOGNA

09 Giugno 2016 Tecnologia e medicina, da qualche tempo, vanno molto d’accordo. Anche nel caso di patologie quali il Diabete, in particolare quello di tipo 1 sia nei pazienti pediatrici sia negli adulti, il progresso tecnologico ha portato grandi vantaggi. Ci si riferisce al nuovo strumento per la rilevazione della glicemia Free Style Libre e Dexcom 5 che permette ai diabetici di provarsi di rilevare la glicemia senza più bisogno di ‘pungersi’ i polpastrelli per prelevare una determinata quantità di sangue per eseguire questo test. Fin qui tutto bello. Ma la Regione Emilia Romagna che aveva già aperto tempo fa la possibilità di prescrivere questo prodotto oggi ha bloccato tutto. Perché? “Purtroppo in diversi – spiega Salvatore Santoro di AGD-Bologna – hanno prescritto in maniera impropria, a pazienti mancanti dei requisiti adatti, ovvero pazienti con Diabete Tipo 2, i sensori, mantenendo di proposito anche la prescrizione delle ‘striscette’ da inserire nei glucometri tradizionali”. E specifica: “Ora non è più possibile offrire alle famiglie con bambini diabetici, o agli adulti che necessitano di questi nuovi sistemi, il Free Style Libre e Dexcom 5. Tutto è stato bloccato e sono stati adottati criteri più stringenti per la prescrizione”. Per gli adulti, però, le pratiche sono ripartite e nonostante le regole più ferree sarà di nuovo possibile adottare lo strumento. Ma per i pazienti pediatrici? “Purtroppo – aggiunge ancora Santoro – nulla si muove e l’indignazione da parte dei genitori di pazienti diabetici pediatrici sta crescendo a dismisura”. In Emilia Romagna esiste un progetto che è “Ospedale senza dolore” in cui il ‘Libre’ e Dexcom 5 dovrebbero essere accessibile anche per limitare il dolore delle punture ai polpastrelli dei bambini, per la rilevazione della glicemia più volte nella giornata...
Comunicato Stampa all’ Expo Sanità 2016

Comunicato Stampa all’ Expo Sanità 2016

La Federazione Diabete Giovanile e AGD-Bologna all’ExpoSanità 2016 “Nuove tecnologie per raggiungere e mantenere il compenso metabolico nel bambino e nel giovane con diabete”.  È da qui che partirà, sabato 21 maggio, la tavola rotonda dedicata alle nuove tecnologie a favore dei bambini e ragazzi con diabete. Promosso dalla FDG – Federazione Nazionale Diabete Giovanile – con il patrocinio di A.N.Te.L. e con la collaborazione di AGD-Bologna, questo appuntamento andrà in scena all’interno di Exposanità, ossia la 20° Mostra internazionale al servizio della sanità e dell’assistenza, esattamente nella Sala Melodia, a partire dalle ore 9, al Centro servizi Blocco B. L’apertura dei lavori sarà svolta dal Presidente di AGD- Bologna, Salvatore Santoro, e del Presidente di FDG, Antonio Cabras. Due le parti in cui si articolerà la giornata: gli argomenti del ‘primo tempo’ che verranno toccati riguardano il monitoraggio continuo della glicemia, l’infusione continua dell’insulina, senza dimenticare la questione dell’affidabilità dei sistemi per l’autocontrollo glicemico, glucometri, strumenti che hanno cambiato il rapporto del diabetico con la sua malattia, oltre agli aspetti normativi e le modalità di prescrizione delle tecnologie. In questi anni la medicina è corsa veloce e così anche il costo dell’innovazione tecnologica. La strumentazione tecnologica diventa sempre più importante così come la capacità di valutare tra gli strumenti a disposizione quelli che siano realmente capaci a soddisfare le esigenze medico-paziente e tutelare la salute dei diabetici. Di tutto questo parlerà il Dottor Stefano Zucchini, Dirigente medico del reparto di Diabetologia Pediatrica del Policlinico Sant’Orsola – Malpighi. La seconda parte, le nuove insuline e la chetoacidosi diabetica in ambito pediatrico. Al diabetico è legata la chetoacidosi, i numeri, i numeri sono molto preoccupanti, “Una vera e propria emergenza” – dicono i pediatri diabetologi – che può portare sino alla morte....
Primo corso nazionale per Giovani col Diabete

Primo corso nazionale per Giovani col Diabete

Primo Corso Nazionale per Giovani con Diabete L’autocontrollo nella persona con diabete: dalla pratica all’efficacia di Antonio Cabras (clicca per scaricare il programma) La formazione rappresenta un elemento strategico per la valorizzazione, l’acquisizione delle competenze e delle conoscenze nei confronti degli Operatori in sanità e dei diabetici per i suoi contenuti e le modalità didattiche appropriate di grande aiuto e supporto. Per garantire la sostenibilità della Sanità pubblica è necessario avviare un virtuoso  processo di disinvestimento (da sprechi e inefficienze) e riallocazione (in servizi essenziali  e innovazioni), che richiede il coinvolgimento attivo dei diabetici e dei Diabetologi. In  questo processo è determinante integrare tutti gli elementi e le componenti che favoriscono  il trasferimento della migliore efficacia all’assistenza sanitaria con il fine ultimo di ridurre  asimmetrie informative, diseguaglianze e sprechi conseguenti al sovra e sotto utilizzo degli strumenti e delle prestazioni sanitarie. Dal momento che il denaro pubblico oggi può solo finanziare servizi, prestazioni e  interventi sanitari mirati, efficaci e appropriati, la Federazione Diabete Giovanile ha predisposto attraverso un Corso, rivolto ai giovani con diabete e ai genitori dei bambini con diabete ( 60 partecipanti ), un programma di formazione che pone le adeguate  attenzioni alla razionalizzazione, ma che arricchisce e garantisce la qualità del Servizio e delle sue prestazioni, grazie ad una maggiore partecipazione ed empowerment medico paziente. La Fdg ritiene che esistano le condizioni per far funzionare positivamente la macchina della Sanità, e le condizioni affinché il soggetto con diabete raggiunga sempre più  consapevolezza per costruire il suo benessere sanitario e sociale. Si pone per questo l’obiettivo di incidere sulla sempre più positiva modifica di comportamento sia del diabetico nel diventare responsabile ed autonomo nel gestire e controllare...
Alitalia: con il diabete non si vola

Alitalia: con il diabete non si vola

Cagliari 12/12/2014 COMUNICATO STAMPA Un comandante dell’Alitalia si è rifiutato di imbarcare a bordo del volo AZ540 diretto da Roma a San Pietroburgo una passeggera diabetica in quanto sprovvista di un non meglio specificato “certificato di idoneità al volo”. Sandra Bianconi di Roma, questo il nome della passeggera, era naturalmente provvista  del certificato medico dell’Ospedale San Giovanni e dei farmaci necessari, come insulina e salvavita. Ma a nulla sono valse le sue proteste e quelle del marito, Stefano Valentini. Il personale di terra ha cercato di convincere il comandante ma non c’è stato niente da fare: i  loro bagagli sono stati scaricati e la coppia ha dovuto rinunciare alla partenza. La cosa più assurda è che il giorno dopo i due si sono recati nuovamente in aeroporto e sono stati imbarcati senza problemi su un altro volo e , soprattutto, con un altro comandante. L’Alitalia si è scusata ma, al momento, non ha alcuna intenzione di rifondere i danni. La vicenda vivrà quindi un seguito perché la coppia ha intenzione di adire alle vie legali. “Viaggiamo abitualmente seguendo quanto previsto dalla legge ed è la prima volta che ci accade una cosa del genere ‐ questo il commento amaro dei due passeggeri ‐ siamo sconcertati ma vogliamo andare fino in fondo alla vicenda e far emergere le responsabilità di chi ha sbagliato” “Non è la prima volta che ci troviamo ad affrontare episodi discriminatori – si legge in una nota della Federazione Diabete Giovanile ‐ ma crediamo che questa volta abbiamo superato ogni limite: ecco perché abbiamo deciso di supportare i due passeggeri in un’azione legale contro Alitalia  e...
Translate »