Diabete: emergenza scuola

Diabete: emergenza scuola

Incontro alla camera tra la Federazione Diabete Giovanile e il Presidente Lorefice. Cabras: troppe responsabilità alle maestre. Nasce l’esigenza di un protocollo per costringere le Regioni ad adeguarsi alle necessità dei bambini. A Crema l’ennesimo grave fatto di cronaca. La gestione del diabete insulinodipendente in ambito scolastico è stata al centro di un incontro che la Federazione Diabete Giovanile ha avuto con il Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, On. Marialucia Lorefice. “E’ assurdo pensare che una maestra debba assumersi questa responsabilità – ha commentato il presidente della Federazione, Antonio Cabras – con le eventuali conseguenze, anche sul piano legale, dovute ad un qualsiasi errore. Con il diabete infantile non si scherza e questo compito spetta alle ASL attraverso infermieri, medici e personale qualificato” L’On. Lorefice si è assunta l’impegno di approfondire il tema attraverso un’analisi di quello che avviene nei centri dove il sistema sanitario è intervenuto efficacemente nella gestione del bambino con diabete durante la sua permanenza a scuola. L’obiettivo è quello di arrivare ad un protocollo d’intesa al quale tutte le regioni dovranno attenersi per assicurare ai bambini con diabete le giuste assistenze ed evitare ai loro genitori di dover intervenire direttamente, con conseguenti problemi in ambito lavorativo e professionale. “Proprio nei giorni scorsi  – ha sottolineato Cabras – si è verificato l’ennesimo fatto di cronaca. In provincia di Crema, una bambina affetta da diabete di tipo 1 deve ricevere quattro dosi di insulina nell’arco della giornata, ma le maestre non sono state autorizzate a praticare le punture. Inoltre, secondo le autorità scolastiche,  la bambina non può fare l’iniezione a scuola, ma deve andare a...
Diabete e scuola. Incontro tra Federazione giovanile e Lorefice

Diabete e scuola. Incontro tra Federazione giovanile e Lorefice

   Si è svolto l’11 settembre 2018 l’incontro tra l’On. Maria Lucia Lorefice pres. Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati e la sua Equipe, e l’Fdg nelle persone del pres. Antonio Cabras, i copres. Giuseppe Boriello,Alessio Sodano,e Carmen Mandas. L’incontro è stato richiesto dall’Fdg, come esposto all’Onorevole, per far presente due emergenze nazionali: la somministrazione dei farmaci a scuola e l’applicazione della legge 104. Il diabete è in costante crescita soprattutto in età infantile. Si contano 14.000 bambini 0/14 anni in età scolare determinando una costante attenzione da parte della scuola  – hanno esposto i rappresentanti Fdg – luogo dove il bambino trascorre gran parte della sua giornata. E’ allarmante al suo interno l’assistenza sanitaria, in particolare il controllo glicemico e la terapia insulinica. Dai dati emergenti solo il 5% delle scuole conta del Servizio Sanitario. Il resto è affidato alla volontarietà o del personale scolastico, di esterni o dei genitori, che quotidianamente si recano a scuola quando ancora l’alunno non è autonomo nella gestione. Si sottolinea la responsabilità soprattutto del personale scolastico non abilitato professionalmente, dunque meritevole di sanzioni o addirittura di reato penale. Si auspica un tavolo di lavoro col Ministero per trovare le dovute soluzioni. L’iter non dovrebbe essere lungo dal momento che già esistono esempi applicativi positivi come delle Asl di Genova e di Bologna. Queste ogni inizio d’anno scolastico indicano alle scuole le esigenze cui si deve far fronte. Il tutto è orientato ad utilizzare positivamente le risorse senza sprechi, inoltre garantisce la presenza a scuola del bambino e la conservazione del posto di lavoro al genitore. Il Governo deve dire perentoriamente di...
Progetto FDG e Fondazione Sardegna

Progetto FDG e Fondazione Sardegna

La FDG, in collaborazione con la Fondazione Sardegna, organizza l’evento Laboratorio Educazione Diabete: Di seguito, il documento di progetto Progetto Firmato tra FDG e Fondazione Sardegna Scarica il...
LED: Laboratorio Educazione Diabete

LED: Laboratorio Educazione Diabete

La FDG, in collaborazione con la Fondazione Sardegna, organizza l’evento Laboratorio Educazione Diabete: Un progetto per le scuole primarie affinchè si torni a parlare di Diabete nelle scuole, come prevenirlo, come curarlo Laboratorio Didattico Scarica il...

pubblicazione rendiconto 5×1000

la rendicontazione del 5xmille della federazione nazionale diabete giovanile. Disponibile anche la rendicontazione firmata… scaricala da rendicontazione firmata Spett.le Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali D.G. PER IL VOLONTARIATO Via Fornovo, 8 – 00192 Roma RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE SPESE SOSTENUTE CON IL CONTRIBUTO CINQUE PER MILLE IRPEF 2015 In data 11 agosto 2017 la FDG ONLUS ha ricevuto accredito sul proprio Conto Corrente presso Unicredit della somma di € 63299.86 Gli impieghi della medesima sono stati deliberati dall’Assemblea dei soci in data 19 maggio 2018 Si ricorda che gli elenchi dei beneficiari sono stati pubblicati il 18 aprile 2017 e quindi le spese elencate sono state sostenute tra il mese di maggio 2017 e agosto 2018 Di seguito si andranno a dettagliare le voci di spesa elencate nel rendiconto: 2/Costi di funzionamento – Si elencano spese per la connessione telefonica e internet della sede operativa e per il telefono cellulare del Presidente . 3/Acquisto di beni e servizi. Si evidenziano spese sostenute per prestazioni da soggetti esterni all’ente per: Riparazioni e manutenzioni apparecchi elettronici € 250.00 Spese di pubblicità € 250.00 Apparecchio telefonico Presidente € 838.33 Imposta di brevetto ricerca FDG a soc.it. brevetti € 666.20 Affitto stand congresso SIEDP € 732.00 Spese consulenza legale € 507.52 Spese invio telematico Agenzia Entrate € 122.00 Commissioni bancarie e Poste Italiane € 354.61 Spese viaggio e alloggio Consiglio Direttivo € 2325.70 5/altre voci per finalità istituzionali- Annoveriamo le seguenti voci : Premio alla Comunicazione – € 26276.59 Si tratta di un’iniziativa che si svolge ormai da nove anni e che ha visto la partecipazione di vari scrittori non professionisti; ha...
diabete in età pediatrica, allarme dalla Sardegna

diabete in età pediatrica, allarme dalla Sardegna

Un grido d’allarme sul diabete in età pediatrica arriva dalla Sardegna. A farsene portavoce è Antonio Cabras, Presidente della Federazione Nazionale Diabete Giovanile, che richiama l’attenzione di media e istituzioni su una patologia, e i relativi sintomi, troppo spesso sottovalutati, e in particolar modo in bimbi e adolescenti. “Malgrado gli appelli e le campagne di sensibilizzazione che abbiamo condotto sui media nazionali in collaborazione con la SIEDP (Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica), – specifica Cabras – in Italia si continuano a trascurare i primi sintomi del diabete: eccesso di sete e pipì. La mia idea è che non ci sia ancora resi conto che ci troviamo difronte a un nemico invisibile, ma molto pericoloso, che richiede l’impiego di risorse non solo economiche, ma culturali. La cultura del diabete è un punto fondamentale nella lotta a questa malattia subdola ma con conseguenze devastanti che, spesso, possono avere conseguenze letali”. Cabras fa in particolare riferimento al caso della piccola Carla Borlenghi, di soli 5 anni, deceduta a Parma per una chetoacidosi diabetica che le ha provocato un edema cerebrale. LA CHETOACIDOSI – La chetoacidosi è un’emergenza molto diffusa nei casi di diabete giovanile e una recente ricerca condotta dalla SIEDP ha segnalato che dei 14.493 bambini seguiti dai Centri di Diabetologia Pediatrica, 2.453 hanno presentato esordio di malattia nel biennio 2012-2013. Tra questi bambini ed adolescenti, circa il 38,5% è stato ricoverato in chetoacidosi diabetica, di cui il 10.3% aveva una forma grave. La frequenza di chetoacidosi diabetica sale, in particolare, al 72% se si prendono in considerazione i bimbi di età prescolare, nei quali la forma grave interessa...
Translate »