Il mio nome è Lucio

Il mio nome è Lucio

Liberamente ispirato alla poesia di Lucio Dalla  Un autore narratore, un filosofo della scienza e una regista prestati da dilettanti al teatro (nel senso che si dilettano) accompagnati da una coreografa danzatrice e un cantante musicista, mettono in scena una sequenza di emozioni liberamente ispirate alla poesia lirica e musicale del grande Lucio Dalla. La sua vita non è caratterizzata da episodi eclatanti, peraltro più volte sviscerati nelle numerose biografie, ma dal grande spessore artistico della sua produzione musicale che ha affascinato milioni di estimatori di ogni età. Ecco perché le vicende biografiche del più eclettico cantautore italiano sono deliberatamente tralasciate o modificate per evidenziare l’aspetto più poetico della sua immensa produzione, facendo emergere dai suoi testi il suo possibile pensiero. L’autore utilizza la fantasia, ispirata da cinquant’anni di ascolto delle sue canzoni, per creare una fusione espressiva tra il sé e Dalla in una sorta di immaginaria reincarnazione nel tentativo di avvicinarsi alla complessa sfera emotiva del grande artista. Il filosofo della scienza, con le incursioni filosofiche, suggerisce allo spettatore una chiave di lettura dando un senso alla narrazione. La danzatrice e il musicista propongono, attraverso l’armonica rivisitazione di alcuni dei brani più famosi, una miscellanea di linguaggio musicale tra tradizione e innovazione. La regista crea una sequenza di scene coinvolgenti dove si respirano con immediatezza e semplicità le emozioni sentimenti più genuini: amore senza tempo; nostalgia quella buona; malinconia e sofferenza. Uno spettacolo di teatro, danza, musica, filosofia, emozioni e fantasia. L’ingresso è a pagamento, e l’intero ricavato verrà devoluto alla ricerca per sconfiggere il Diabete. per informazioni, scrivere a presidente@fdgdiabete.it segr.proni@fdgdiabete.it Accorrete...
Diabete e Scuola. articolo su Panorama della sanità

Diabete e Scuola. articolo su Panorama della sanità

La Federazione Nazionale Diabete Giovanile, in relazione all’importantissimo tema della somministrazione dei farmaci a scuola, tiene a rilevare quanto il trattamento del paziente diabetico presenti complessità importanti che lo differenziano dalle altre patologie. Per questo si ritiene che la tematica debba essere affrontata con le adeguate differenziazioni al accesso alla continuità terapeutica e nel contempo tutelarli adeguatamente nella gestione delle emergenze. La rivista Panorama della sanità ha pubblicato un articolo della Federazione Diabete Giovanile a riguardo. Vi invitiamo a leggerlo cliccando nelle relative immagini in basso oppure, a pag 74 e 75 del giornale, raggiungibile al seguente link panorame della sanità     Quotidiano sanità articolo pagina 1 Panorama della sanità articolo pagina...
contributi percepiti dalla FDG nell’anno 2018 da PP.AA. –legge 4/08/2017 n.124 Circ. n. 2/2019

contributi percepiti dalla FDG nell’anno 2018 da PP.AA. –legge 4/08/2017 n.124 Circ. n. 2/2019

Legge 4 agosto 2017, n.124 – articolo 1, commi 125-129. Adempimento degli obblighi di trasparenza e di pubblicità. La disposizione in oggetto indicata ha introdotto una serie di obblighi di pubblicità e trasparenza a carico di una pluralità di soggetti che intrattengono rapporti economici con le PP.AA. o con altri soggetti pubblici o con i soggetti di cui all’art.2-bis del d.lgs n.33/2013. La Federazione Nazionale Diabete Giovanile  F.D.G. ONLUS  – C.F. 97017810157, INFORMA CHE DALL’ 1 GENNAIO 2018 HA RICEVUTO  I SEGUENTI CONTRIBUTI DA ENTI PUBBLICI: 1/ Agenzia delle  entrate per Ministero del Lavoro e delle politiche sociali € 58.151,64 In data 16 agosto 2018 Erogazione quote cinque per mille anno 2016 per redditi 2015 2/ Regione Autonome della Sardegna € 669.32 In data 10 Dicembre 2018 Contributo a fronte dell’ Assicurazione obbligatoria...
Un progetto europeo

Un progetto europeo

Un progetto europeo Il Campus Fdg per l’ Italia, Anedia per la Galizia rivolto ai giovani con diabete, perché? Perché è uno strumento utile per mobilitarci nella direzione della libertà dei nostri ragazzi e misurare ciò che non riusciamo mai a misurare.. Per promuovere la solidarietà e la tolleranza, per favorire la comprensione reciproca tra giovani con diabete di diversi Paesi. Per contribuire a migliorare la qualità dei sistemi di sostegno nelle attività giovanili e le competenze delle organizzazioni dei diabetici nella società civile e nel settore giovanile. In particolare, un progetto per dare risposte alle priorità di cittadinanza europea e di diversità culturale con la promozione di uno stile di vita salutare attraverso l’attività fisica e sportiva. Per una crescita più inclusiva, per la lotta contro la povertà e l’emarginazione, per la più ampia partecipazione alla cittadinanza europea e ai diritti correlati. Di seguito, i pensieri scritti dai ragazzi partecipanti al campo scuola internazionale, riguardanti l’esperienza vissuta. Pensieri Scarica il...
Translate »